Al via Cultur.al , l’evento parigino del Consortium Paris – Gourmet

Palazzo UNESCO, 27 Gennaio 2014
La cultura alimentare è uno dei temi caldi a livello mondiale e un punto di forza è caratterizzato dalla filiera corta e dalla sua qualità. Questi i punti determinanti per il sostegno e lo sviluppo dell’economia locale e per il consolidamento della dieta mediterranea.

Si chiama CULTUR.AL, un evento disegnato da CONSORTIUM PARIS che parte oggi con la sua prima edizione a Parigi e che vede tra i protagonisti le associazioni di agricoltori, i produttori di eccellenze, chef, enogastronomi e giornalisti.

Location: il principesco Restaurant du Palais de l’UNESCO. La mission: proteggere, valorizzare e promuovere la tipicità unica del territorio campano, delle sue eccellenze e della sua strategica filiera corta attivata sapientemente da attenti produttori e comunicatori del settore.

Educare è una delle keywords di base, formare e indirizzare i consumatori circa la cultura del cibo a base di sano rispetto per la biodiversità territoriale e il ciclo naturale dei principi di prodotti di stagione. Le generazioni future si alimentano principalmente con la conoscenza e la consapevolezza. Il valore della terra, il rispetto verso ciò che produce grazie all’ambiente unico in cui è immersa sono le ricchezze troppo spesso dimenticate.

Questa sera le eccellenze della regione Campania saranno le vere protagoniste e comunicheranno al mondo la storia emozionante di una terra ricca e generosa dove la Storia ha sviluppato culture e menti fertili come fertile è la terra che le ha accolte. Una terra dominata dal Vesuvio, un vulcano che ha favorito nei secoli la biodiversità e che, grazie a microclimi particolari, ha agevolato la nascita di meraviglie agroalimentari altrove impossibili da immaginare.

Natura, terra ricca, microclima, sole, mare, venti puliti e montagne vicine elementi che insieme sono stati patrimonio inestimabile per le diverse civiltà della Campania. La cultura della buona cucina è stato quasi un percorso naturale da intraprendere e da seguire nei secoli. Semplice, ricca, generosa, salubre, raffinata, questi e mille altri aggettivi possono caratterizzare la Cucina Campana. Una cucina conosciuta in tutto il mondo. Chi non conosce la pizza? e chi non conosce gli spaghetti? In questi due semplici pietanze è sempre presente un primo attore: il pomodoro

Stasera dunque, appuntamento al Restaurant du Palais de l’UNESCO. Si inizia con un antipasto del pizzaiolo napoletano Gianfranco Iervolino e poi la fantasia e la competenza dei cuochi italiani Paolo Gramaglia, Vitantonio Lombardo, Giovanni Passerini, Fabio Pesticcio, Antonella Rossi prepareranno una cena esclusiva per i diversi rappresentanti delle delegazioni permanenti degli Stati membri presso UNESCO.

Noi ci saremo. E con una punta d’orgoglio aggiungiamo ‘ovviamente’.

Antonio Gnassi
Press Office
+39 347 5822285

Quando: 27 gennaio 2014, alle ore 19:00
Dove: Parigi, Francia
Location: presso il ristorante al 7mo piano del Palazzo dell’UNESCO a Parigi, 7 Place de Fontenoy 75007 Paris

Campanie terre merveilleuse. Paris

Campanie terre merveilleuse. Paris

campanie-terre-merveilleuse-paris

Altri riferimenti qui

Dicono di noi su CULTUR.AL

 

PROGRAMME

UNESCO PARIS SALLE RESTAURANT
27 JANVIER 2014

19h00 Apéritif de Bienvenue avec les producteurs et dégustation de “Street food”parthénopéen interprété par le chef pizzaiolo Gianfranco Iervolino

19h30 Table Ronde “Culture alimentaire, filière courte et de qualité pour le soutien et le développement de l’économie locale ainsi que la diète méditerranéenne” avec Antonio Lucisano Directeur “Consorzio per la Tutela della Mozzarella di Bufala Campana DOP”, Eugenio Mailler délégué général d’Euro Gusto Slow Food France, Giuseppe Palmieri Directeur de salle et Sommelier à l’Osteria Francescana – parmi les meilleurs restaurants au monde – ainsi que fondateur de Glocal, Matteo Ghiringhelli meilleur sommelier d’Italie 2010, Giovanni Passerini chef restaurant Rino à Paris, Alba Pezone fondatrice de “Parole in Cucina” chef et journaliste gastronomique;

Modératrice: Marina Alaimo journaliste gastronomique.

20h30 Dîner gastronomique “Campanie terre merveilleuse”
À la découverte des saveurs de la Campanie, interprétés par l’extraordinaire équipe des chefs italiens: Paolo Gramaglia chef et patron restaurant “President” à Pompei, Gianfranco Iervolino chef pizzaiolo restaurant “Villa Giovanna” à Ottaviano, Vitantonio Lombardo chef et patron “Locanda Severino” à Caggiano, Giovanni Passerini chef restaurant “Rino” Paris, Fabio Pesticcio chef restaurant “Il Papavero” à Eboli, Antonella Rossi chef et patron restaurant “Napoli Mia” à Naples.

Rendez-vous le 27 janvier 2014 à 19h00 au Restaurant au 7ème étage du Palais de l’UNESCO à Paris, Place de Fontenoy.

Info et conditions de participation sur
www.cultural.altervista.org

RÉSERVER- BOOKING NOW

MENU

CAMPANIE TERRE MERVEILLEUSE
CULTUR.AL 27 janvier 2014
UNESCO Paris

Apertivo partenopeo

Frittelle alla rapa rossa
Montanare con pomodoro di Corbara e basilico,
Focaccine con tonno, San Marzano e stracciatella di bufala,
Pizza fritta cicoli ricotta pepe e mozzarella di bufala DOP,

Antipasti

Polpo cotto lentamente
servito con zuppetta ai tarallucci d’Agerola,
agretto di pomodorini di Corbara, crema di mozzarella di bufala campana DOP
….
Millefoglie di baccalà
con pomodoro San Marzano olive nere e capperi

Primo Piatto

Mezzi Paccheri di Gragnano
con peperoni cruschi di Senise fonduta di cacioricotta e cioccolato

Secondo Piatto

Agnello da latte marinato alle erbe aromatiche e liquirizia
con carciofino e quenelle di patate di Montorno

Dolce e caffè

Semifreddo agli agrumi su briciole di financier e frutta secca caramellata
….
Caffé Arabica 100% e piccola pasticceria napoletana

Vini

Tenuta Cavalier Pepe
Greco di Tufo DOCG 2012 “Nestor”
Irpinia Campi Taurasini DOC 2009 “Santo Stefano”

Tenuta Sarno
Fiano di Avellino DOCG 2012

I Feudi di San Gregorio
Spumante Metodo Classico Millesimato 2011 “DUBL +”
Irpinia Bianco DOC “Campanaro 2012”

Acqua
Ferrarelle Naturale ed Effervescente Naturale

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *